Chi siamo

Siamo in quattro, un po’ diverse e un po’ uguali.

Io mi chiamo Lucy e le mie ragazze sono Jo, Amanda e Margherita.

Abbiamo età diverse, a volte anche contemporaneamente (ognuna di noi può essere nello stesso giorno una ragazza di 18 anni o una donna di 40). Abbiamo vite diverse, a volte reali, a volte sognate.  Dietro lo pseudonimo di Jo, per esempio (ma sarà pseudonimo o è un nome vero?), si nasconde una giornalista  appassionata di tutto ciò che è nuovo e innovativo, che trascorre parte del suo tempo a San Francisco. Dietro Amanda, invece, si cela uno spirito libero, amante della vita, del sole e degli uomini, conosciuta là dove c’è da divertirsi e da ballare. Margherita (che non si chiama Margherita e non rivelerà mai chi è, perché detesta tutto ciò che è solo apparenza) è quella delle battaglie umanitarie: molti di quelli che le hanno fatte e le stanno facendo, per lavoro e/o per passione, la conoscono. Poi ci sono io, che non so mai bene chi sono e, a chi mi invita ad essere me stessa, chiedo: “Ma quale me stessa?”.

“Non so chi sono, che anima ho.
Quando parlo con sincerità, non so con quale sincerità parlo. Sono variamente altro da un io che non so se esiste”. (“Una sola moltitudine”, Fernando Pessoa)

Siamo in quattro, dicevo. Quattro come in “Piccole Donne” di Louisa May Alcott (anche noi abbiamo la nostra Jo), quattro come le ragazze di “Sex and the City” (con Amanda al posto di Samantha). Quattro moschettieri al femminile. A volte, inutile negarlo, non ci sopportiamo, a volte ci stimiamo e ci amiamo, altre volte cerchiamo di aiutarci oppure fuggiamo da noi. Siamo fluide e cangianti. Siamo qui. Prendeteci: siamo come tu ci vuoi. Ma soprattutto siamo come ci vogliamo noi.

Siamo su Facebook: https://www.facebook.com/leragazzedilucy/

Siamo su Twitter: leragazzedilucy

 

Da nuovo utente WordPress puoi andare sulla tua bacheca per cancellare questa pagina e creare nuove pagine per i tuoi contenuti. Buon divertimento!

Leggi gli altri post di Lucy