Dimmi quale parente hai e ti dirò chi sei

Amanda

parenti

Mi scrive in email una persona che non conosco: “Mi permetto di chiederle se è per caso parente di xxx (stesso mio cognome) di Roma, che ho conosciuto diverso tempo fa e che mi sembra di ricordare fosse parente del Prof YYY, ordinario di economia politica all’Università”. Non so chi sia lo scrivente, cosa voglia veramente, se un giorno sia caduto innamorato della signora xxx, l’abbia persa e ora ricerchi in modo indiretto e piuttosto goffo un contatto con la desaparecida, oppure se sia interessato al professore YYY, o voglia solo sapere qualcosa in più di me. Cosa poi? I miei gradi parentela?

No, non sono mai stata parente di nessuno. Sono orfana di genitori vivi. Come Gide, odio le famiglie. Sono madre di me stessa, figlia di me stessa, sorella di me stessa. Evito i cugini, non amo gli zii, non ricordo mai la differenza tra suocero, genero e cognato. Sono madre di un figlio. Amica di qualcuno. Amante di chi amo e di chi mi ha amata. Non ho una rete (di parentele): il che significa che, se cado mentre mi esibisco sul filo, mi sfracello al suolo. Ma anche che non finirò mai intrappolata.

Leggi gli altri post di Amanda

Lascia un commento