Grillo e la libertà di stampa, perché il 77esimo posto dell’Italia è una bufala

mappa_liberta-krqg-u10701148518629mpc-1024x576lastampa-it

Il 3 gennaio 2017 Beppe Grillo, comico, fondatore e leader del Movimento 5 Stelle, ha proposto “una giuria popolare che determini la veridicità delle notizie pubblicate dai media“.   Un comitato, ha spiegato sul suo blog, di “cittadini scelti a sorte a cui vengono sottoposti gli articoli dei giornali ed i servizi dei telegiornali”.

“Se una notizia viene dichiarata falsa – ha proseguito – il direttore della testata, a capo chino, deve fare pubbliche scuse e riportare la versione corretta dandole la massima evidenza in apertura del telegiornale o in prima pagina se cartaceo. Così forse abbandoneremo il 77° posto nella classifica mondiale per la libertà di stampa“.

Premessa: trovo la proposta di Grillo totalmente delirante per i seguenti motivibeppe-grillo

  • Il fantomatico comitato di cittadini “scelti a sorte” si chiamano, eventualmente, lettori.
  • Non siamo in un film americano degli anni Sessanta dove c’è il processo con la giuria popolare, gli avvocati brillanti e gasatissimi e la maestosa arringa finale.
  • Grillo, Casaleggio e i suoi sono tra i primi fabbricatori di bufale, dalle scie chimiche ai vaccini pericolosi per la salute senza dimenticare il delirante video di Casaleggio Senior sulla terza guerra mondiale e il pianeta Gaia che rinascerà nel 2054 (io l’ho visto, vedetelo anche voi qui!).

Ma, al di là di tutto, questa storia che l‘Italia sarebbe 77esima nella classifica della libertà di stampa è la vera bufala. E, va detto per onestà intellettuale, Beppe Grillo non è il primo né il solo a tirarla fuori. Viene ripescata dal cilindro dai più svariati schieramenti politico-sociali a ogni buona occasione e spesso con finalità pretestuose. Ma, a mio parere, è una gran minchiata. E spiego perché.

In Italia abbiamo testate di destra, centro, sinistra, centro-destra, centro-sinistra, sinistra estrema, destra estrema, palla al centro, mediano e centroavanti. Abbiamo tv, radio, testate online, testate cartacee, blog, social network dove tutti si sentono liberi di dire tutto. Diamo voce a ladri e assassini, santi ed eremiti, principi e maggiordomi, scienziati e invasati. Diamo persino voce a Grillo, Gasparri e Salvini. Siamo liberi, liberissimi così come siamo umani, troppo umani.

Allora come si fa a pensare che nella classifica annuale di Reporter senza Frontiere l’Italia venga dopo Costarica, Uruguay e Burkina Faso? Vi sembra minimamente credibile?

I primi 10 posti sono plausibili, con i Paesi nordici in testa, anche se al decimo posto fa capolino una sorprendente Giamaica.

reporters-senza-frontiere-classifica-2016-788389

Ma l’assurdità è la nostra collocazione: veniamo dopo Lesotho, Armenia, Nicaragua e Moldova

In generale, in questa classifica, la Malesia è al 14esimo posto, la Repubblica Ceca al 29esimo, la Tailandia al 30esimo, il Kazakhstan al 34esimo. E noi italiani siamo dunque, secondo RSF, meno liberi di Malesia, Tailanda, Nicaragua e degli altri già citati. (vedi terzo riquadro a destra)

world

A questo punto ci si chiede come è stata elaborata questa classifica. Qui RSF spiega con dovizia di particolari la metodologia.

Innanzitutto è stato proposto un questionario con una ottantina di domande a  “des professionnels des médias, des juristes, des sociologues” selezionati in ciascuno dei 180 Paesi presi in esame. È proprio questo il punto: come sono state selezionate queste persone in Italia? Chi sono? Vorrei la lista completa dei nomi. Così vediamo se e quanto sono rappresentativi della popolazione e se le loro opinioni possono essere considerate valide e condivisibili. Non è per caso che, in un Paese dove governa una giunta militare come la Thailandia, gli “esperti” intervistati hanno preferito lodare la grande libertà di stampa della loro nazione piuttosto che esprimere qualche critica?

A questa analisi qualitativa, scrive RSF, se ne aggiunge un’altra quantitiva: le violenze commesse contro i giornalisti nel periodo preso in considerazione.

Scrive l’organizzazione descrivendo la situazione nella stampa nel nostro Paese: “A maggio 2015, il quotidiano La Repubblica ha riferito che tra i 30 ei 50 giornalisti si trovano sotto la protezione della polizia perché minacciati. Il livello di violenza contro i giornalisti (comprese le minacce di morte e le intimidazioni verbali e fisiche) è allarmante. I giornalisti che indagano la corruzione e la criminalità organizzata sono quelli che vengono maggiormente presi di mira”. Reporters Sans Frontières cita ad esempio quanto accaduto in Vaticano con gli scandali Vatileaks e Vatileaks 2. Vicende, spiega il sito, che ha visto due giornalisti rischiare “fino a otto anni di carcere” per aver scritto libri “sulla corruzione e sugli intrighi all’interno della Santa Sede”.

Ok, allora siamo 77esimi perché da noi si minacciano più giornalisti che in Kazakhstan, Paese guidato da una dittatura monopartitica.  Ma non sarà, anche in questo caso, che da noi le minacce e le aggressioni si denunciano apertamente – quindi liberamente – e in Kazakhstan nessuno dice niente perché ha paura di ulteriori minacce (se non di perdere la vita)? Su Vatileaks il discorso sarebbe lungo e complicato (almeno per come la penso io), ma possiamo solo dire che il caso si è concluso serenamente.

Insomma, la verità è che le classifiche – questa come altre – sono spesso fatte male. Anche le più “prestigiose”. E non lo dico io, né tantomeno qualche intontito dipendente della Casaleggio & Associati, ma The European House Ambrosetti, gruppo professionale fondato nel 1965 che è un think tank, ma anche società di consulenza e che ha progressivamente sviluppato numerose attività in Italia, in Europa e nel mondo. Il gruppo ha pubblicato a ottobre 2016 una ricerca sul livello di attrattività degli investimenti in Italia. (Qui è possibile scaricare la ricerca completa intitolata Tech Insights 2016 UV Day –  Global Attractivness Index-The true measure of a Country’s attractiveness). Ricerca che prende in considerazione classifiche internazionali di vario tipo, non solo questa di RSF.

“Nelle classifiche internazionali o europee – dice Valerio De Molli, Ceo di  The European House Ambrosetti – risultiamo spesso in fondo alla lista per livello di competitività, attrattività e facilità di fare business, ma non è così: in queste indagini vengono compiute delle distorsioni. Molte sono basate su ricerche qualitative e non su fatti, alcune introducono elementi oggettivi di valutazione, altre sono deboli o autoreferenziali”.

Per ulteriori dettagli: Perché l’Italia è più attrattiva di quello che dicono le classifiche sull’Italia

La verità è che quello che manca all’Italia non sono “giurie popolari di gente estratta a caso“, ma capacità di analisi critica della realtà. E chi non ce l’ha, proprio come don Abbondio, non se la può dare.

Leggi gli altri post di Lucy

Alice non lo sa (che stanno per salire al potere gli ignoranti)

alices-mirror

Negli ultimi 30 anni in Italia abbiamo assistito a un grave impoverimento culturale.

I principali motivi

1) la scolarizzazione di massa, o meglio la sua cattiva interpretazione: la giustissima battaglia per garantire l’istruzione a tutti si è trasformata, per varie ragioni, in un “promuovificio” che ha tenuto poco o per nulla conto dei criteri meritocratici. Si è diventati indulgenti e lassisti con gli studenti e si è puntato a promuovere tutti, magari con il famigerato 6 politico. Conseguenza: generazioni di persone che hanno imparato molto poco, e quel poco confuso, ma son diventati presuntuosi, cioè presumono di sapere, perché il loro compagno più bravo era stato promosso proprio come loro, quindi…

2) l’avvento della televisione commerciale che ha abbassato di molto i contenuti della proposta televisiva, facendo peraltro il proprio lavoro: una tv pubblica in stile Bbc ha come primaria missione quella di informare e possibilmente educare, la missione primaria della tv privata è appunto commerciale, ovvero far vendere prodotti. E per venderli – per venderne tanti, il più possibile – devi catturare l’interesse delle masse, e alle masse piace ciò che è appunto di massa, spesso superficiale, frivolo, volgare, morboso. Poi anche la tv commerciale si può fare in vari modi: con maggiore o minore sapienza, con maggiore o minore eleganza. Il principale gruppo televisivo privato del nostro Paese non ha fatto certo comunicazione aL livello dei più orripilanti show televisivi americani dove è persa ogni dignità, ma nemmeno si è distinto per qualità dell’informazione. Conseguenza: un popolo male informato, provinciale, drogato di contenuti populisti e a volte anche maschilisti.

3) l‘avvento di Internet che, insieme ai molteplici benefici per l’umanità, ha avuto anche conseguenze meno positive: l’illusione di una “cultura istantanea” (leggi 4 righe su Wikipedia e ti sembra di sapere già tutto) ha fatto credere improvvisamente colti e preparati i tanti ignoranti vittime della (male interpretata) scolarizzazione di massa di cui sopra. La non necessità di mantenere la memoria (perché faticare per ricordare? su Google basta un click e c’è tutto) ha generato masse senza passato, che si sono dimenticate dell’importanza dei vaccini, confondono un dittatore con un altro e che, non ricordando la storia, non possono nemmeno cercare di imparare dagli errori storici.

Queste generazioni di ignoranti sono in mezzo a noi, siamo noi. Complice la decadenza della politica intesa come servizio al bene comune, si sono messi in testa di essere in grado di governare un Paese – cosa nobilissima, ma difficilissima. Serve passione, certo, ma anche formazione, scuole di partito, lavoro sul campo. Servono professionisti della politica, che ora – mio dio, ma come è stato possibile? – sembra perfino una parolaccia. Ma tutto questo Alice non lo sa: perché non ha studiato abbastanza e invece crede di sapere tutto, perché non sa scavare in profondità, non ha reale capacità di analisi, perché vede le cose a una sola dimensione, perché non sa che la distanza più breve tra il punto A e il punto B NON è una linea retta. Le cose sono molto più complicate di quello che sembrano, l’onestà è complicata, la verità è complicata. Povera Alice. Ma soprattutto poveri noi.

Leggi gli altri post di Lucy

Il Movimento 5 Stelle? È malato di iper-democrazia

 

virginia_raggi-2

 

Mi sembra che il Movimento 5 Stelle soffra di iper-democrazia. L’iper-democrazia sta alla democrazia come il surrealismo sta al realismo. Dal momento che, per i 5 Stelle, “uno vale uno” chiunque ha diritto di dire la sua (e ci mancherebbe) ma soprattutto ognuno ha lo stesso diritto di comandare dell’altro. Nei partiti “figli” della democrazia rappresentativa questo non è pensabile: si sceglie un leader (con le primarie, o nei congressi, o in modo informale) e ci si fa guidare dal leader. Magari contestandolo, attaccandolo, financo ostacolandolo, come, per dire, fa la minoranza dem con Renzi. Ma il capo è lui: al limite lo si può far cadere, ma non lo si sostituisce mentre è in sella.

In passato era così. La Dc se la cavava con le correnti, essendo un partito vasto e portatore di molteplici istanze. Il Pc era per sua natura dirigista (ora, come si vede, molto meno). Ma i partiti hanno sempre dato mandato ai propri leader di governare sulla base di ideali, valori e strategie condivisi. I 5 Stelle non hanno, mi pare, una base comune di valori e strategie. Gridano “onestà”, tifano per l’acqua pubblica ma, a parte una serie di progetti e progettini intorno ai quali si riconoscono, non possiedono un vero, completo, organico pensiero condiviso, una Weltanschauung per dire la parolona. D’altra parte il movimento nasce proprio dal presupposto che uno valga uno, che chiunque possa pronunciarsi sulla qualunque, che l’uomo della strada sia in grado di fare politica come – e anzi meglio, in modo più “onesto” – del politico navigato. Visione semplicistica, superficiale, da disegnino delle scuole elementari. Visione a una o due dimensioni, non certo tridimensionale. E, appunto, una visione iper-democratica, che spazza via concetti come delega e rappresentatività. Siamo tutti in grado, siamo tutti bravi, anzi siamo molto più bravi perché onesti, puri, appassionati.

Quindi il voto di Virginia Raggi vale quanto quello di Beppe Grillo o di Massimo D’Alema o di Benito Mussolini o di Gino Bianchi (chiunque egli sia). Quindi Virginia Raggi vale come D’Alema o come Bianchi. E perché dovrebbe governare lei e non Bianchi (o mio cugino, o un alpinista di mia conoscenza)?

Se l’iper-realismo è la rappresentazione del reale in modo così perfetto che sculture e pitture sembrano vere, anzi più vere del vero, e per questo talvolta inquietanti, così l’iper-democrazia è la democrazia all’ennesima potenza, dove tutti valgono come tutti, perciò sono sostituibili, perciò impossibilitati a esercitare una leadership, e di conseguenza in grado di generare un contesto caotico e iper-litigioso.

Insomma, a mio parere la giunta Raggi a Roma non andrà lontano. Ma auguri.

Leggi gli altri post di Lucy